Blog: http://cicerorassegnastampa.ilcannocchiale.it

Ambiente: aumenta il trasporto su gomma e peggiora la qualità dell'aria - Il sole24ore - 19/12/07

 

Ambiente: aumenta il trasporto su gomma e peggiora la qualità dell'aria

18 dicembre 2007

L'equazione è semplice: se è vero che la qualità dell'aria incide sugli stili di vita, allora la situazione degli italiani è da declino. La nostra qualità dell'aria infatti non migliora, anzi. Nella Pianura padana, l'esposizione al Pm10 resta tra le prime in Europa insieme al Benelux, alla Polonia, alla Repubblica Ceca e all'Ungheria. Lo mette in evidenza il rapporto Apat presentato oggi a Roma che si sofferma, in modo particolare, sul livello di superamento del valore limite giornaliero nelle città italiane. Nel 2006, spiega il rapporto, il 61% delle stazioni di monitoraggio ha disatteso il valore limite giornaliero (50 microgrammi per metro cubo, da non superare più di 35 volte l'anno). "In alcune Regioni, i 35 giorni consentiti - evidenzia l'Apat - sono stati esauriti entro la prima metà di febbraio 2006". Lo hanno fatto Torino, Milano, Venezia e Bologna. Tempi più lunghi per Genova, Firenze e Bari (29 ottobre). E' il Nord d'Italia a non respirare confermandosi come "situazione più critica in tutta la nazione", mentre è meno sfavorevole il quadro rilevato al Centro-Sud anche se i limiti non sono comunque rispettati. Roma presenta i valori più elevati. Il trasporto, sottolinea l'annuario dei dati ambientali dell'Apat, rimane "la prima sorgente di inquinamento di Pm10 con un contributo complessivo del 43% sul totale, di cui il 27% proveniente dal trasporto stradale". Per contro, sono aumentati in modo considerevole dal 2003 al 2005 i provvedimenti adottati per risanare la qualità dell'aria. E' il caso di Piemonte, la Regione con i migliori indicatori di gestione della qualità dell'aria, e della Lombardia che hanno promosso misure a favore della mobilità sostenibile (16%), hanno promosso i mezzi pubblici di trasporto a basso impatto ambientale privato (15%) e pubblico (14%), insieme a provvedimenti di limitazione del traffico (14%). Le Regioni più attive da questo punto di vista sono state nel 2004 la Lombardia con 62 provvedimenti, l'Emilia Romagna con 36, il Piemonte con 27 e il Lazio con 20. L'auto si conferma il mezzo principale di spostamento per gli italiani. In Italia, infatti, si viaggia principalmente su strada e, nel 2006, rispetto al 1990 il trasporto stradale privato è aumentato del 29%, arrivando a costituire l'81,2% della domanda di trasporto passeggeri, il 75,3% del quale costituito dalle sole autovetture. Lo si legge nel rapporto secondo cui è cresciuta anche la percentuale del trasporto merci: dal 1990 al 2005 la percentuale è cresciuta del 30 per cento anche se, nel settore, le stime preliminari del 2006 segnano una contrazione di circa il 4%. Complessivamente, il trasporto merci su strada costituisce il 70% del totale. Per quanto riguarda le altre forme di spostamento, quella via mare rappresenta il 16%, quella su rotaia il 9,9% e quella aerea lo 0,4%, con un rimanente 4% relativo al trasporto dei combustibili nelle condotte di distribuzione.A livello mondiale, spiega l'Apat, l'Italia è seconda soltanto agli Stati Uniti per tasso di motorizzazione mentre è in prima posizione in Europa per il numero di veicoli per abitante compresi motocicli e vetture commerciali. L'Italia è seconda invece, dietro al Lussemburgo, nella classifica delle nazioni con il numero più alto di vetture circolanti in base alla popolazione residente. 



Articoli Correlati
In auto e moto, l'italiano è più sensibile all'ambiente
La tassa d'ingresso non piace ai Comuni
Belluno è in vetta per natura
Milano e Torino alla prova del ticket di ingresso contro lo smog
Il ticket per entrare nel centro di Milano

 Il concetto che voglio far passare (forse con molta durezza) è il seguente: ci stanno ammazzando.
Non è una questione economica, è una questione di salute e di stabilità di questo paese.

Pensate ai supermercati senza generi alimentari.
PENSATECI! 

Guido Mastrobuono

Pubblicato il 19/12/2007 alle 10.59 nella rubrica Economia, Lavoro.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web